PREVENZIONE E SCREENING DELLE MALATTIE RENALI

L’insufficienza renale in Italia colpisce oltre cinque milioni di persone, i pazienti in dialisi sono circa 43.000 e i nuovi ingressi in dialisi sono circa 9 mila ogni anno. Tali numeri sono destinati ad aumentare con l’invecchiamento della popolazione generale, rendendo la patologia renale una malattia di grande impatto sociale ed economico. Le malattie renali decorrono spesso per anni in modo subdolo e asintomatico fino agli stadi più avanzati dell’insufficienza renale, rendendo le possibilità terapeutiche ridotte e l’avvio della dialisi inevitabile.

La prevenzione, la diagnosi precoce e l’individuazione dei soggetti a rischio sono mezzi indispensabili per ridurre l’incidenza di queste malattie. L’attenzione nei confronti della prevenzione e del trattamento precoce della patologia renale è aumentata anche dopo la dimostrazione che l'insufficienza renale, fin dai primi stadi, accresce significativamente il rischio di morbilità e mortalità cardiovascolare.

La prevenzione consiste in uno stile di vita sano e nella cura di patologie frequentemente causa di danno renale quali l’ipertensione arteriosa e il diabete. Le principali regole da seguire per ridurre il rischio dei nostri reni sono le seguenti:

- Svolgere attività fisica regolare
- Mantenere un peso corporeo nella norma
- Non fumare
- Evitare diete ricche di calorie, zucchero, grassi animali e sale, privilegiando una dieta a base di cibi vegetali come la dieta mediterranea
- Bere molta acqua (almeno un litro e mezzo o due al giorno)
- Evitare l’uso prolungato di farmaci potenzialmente nefrotossici, quali analgesici o antinfiammatori, specie se assunti senza prescrizione medica
- Curare l’ipertensione arteriosa con target terapeutico ideale uguale o inferiore a 130/80 mmHg
- Curare il diabete mantenendo i livelli glicemici ben controllati, con valori di emoglobina glicata il più vicino possibile alla norma (il diabete provoca un interessamento renale nel 40% dei casi)
- Curare l’ipercolesterolemia e l’ipertrigliceridemia
- Curare le infezioni delle vie urinarie, la calcolosi renale e l’ipertrofia prostatica, quest’ultima frequente causa di ostruzione delle basse vie urinarie negli uomini oltre i 60 anni di età

Per quanto riguarda invece lo screening delle malattie renali finalizzato ad una diagnosi ed un trattamento precoce di queste, ecco cosa si deve fare:

- Esame delle urine fresche, con cadenza biennale nella popolazione generale e annuale nei pazienti con patologie a rischio quali ipertensione e diabete. L’esame urine può rivelare precoci segni di sofferenza renale quali la presenza di albumina, sangue, globuli bianchi o cilindri che sono degli “stampi” di cellule e proteine precipitati nel lume tubulare e poi eliminati dal flusso delle urine.

- Controllo della funzionalità renale nell’ambito degli esami ematochimici di routine, con la determinazione della creatininemia. Nei pazienti a rischio dovrebbe essere effettuata semestralmente o annualmente. Utilizzando semplici formule matematiche dalla creatininemia si può poi dedurre il valore della filtrazione renale che indica la funzionalità renale in percentuale.

- Ecografia renale nei pazienti a rischio o in caso di alterazione delle precedenti indagini.

- Controllo della pressione arteriosa, in quanto l’ipertensione può essere una conseguenza dell’insufficienza renale, oltre che una causa.

- Riconoscere ed approfondire potenziali segni e sintomi di nefropatia quali: edemi agli arti inferiori e/o edemi palpebrali; netto aumento o netta riduzione del volume urinario; emissione di urine di colore scuro (fino ad un color coca-cola) o di odore differente dall’abituale o con aspetto schiumoso; senso di peso lombare; malessere; anemia senza apparenti cause.

Nell’ambito dell’impostazione dello screening è importante infine individuare le condizioni a rischio per la comparsa di malattie renali, quali:

- Età > 60 anni
- Obesità
- Sindrome dismetabolica
- Tabagismo
- Diabete mellito
- Ipertensione arteriosa
- Calcolosi renale
- Infezioni recidivanti delle vie urinarie
- Patologia prostatica
- Malattie autoimmuni quali lupus eritematoso sistemico e vasculiti
- Malattie renali in altri familiari
- Abuso di analgesici

AREA TEMATICA

LA DONAZIONE DEGLI ORGANI

NEWS & EVENTI

AREA CLINICA